Blog o social media: cosa scegliere per comunicare il proprio business?

La discussione su cosa sia meglio scegliere per comunicare il proprio business tra blog e social media è una delle battaglie classiche quando ci si trova a ragionare sulla strategia della comunicazione e del marketing di un’impresa, grande o piccola che sia. C’è chi decide di concentrarsi solo sui profili social per creare un rapporto con i clienti e potenziali clienti. Chi investe in un blog e nella creazione di contenuti che solidifichino la reputazione online e non apre nemmeno un profilo social. E chi decide di usare entrambe le strategie.

Cosa scegliere per comunicare il proprio business?

Molti piccoli business hanno deciso di investire negli ultimi anni tutti i loro sforzi sui social media, in particolare su Instagram che ha avuto un boom stratosferico ed è diventato il social per eccellenza. Un fenomeno che ha preso il nome di microblogging perchè i social sono diventati anche il canale per raccontare il brand, per vendere e per gestire i contatti con i clienti o i futuri clienti.

Circa un mese fa c’è stato un blocco su Instagram e Facebook che ha fatto tremare la terra sotto i piedi a tante aziende e liberi professionisti. Un bug e una fuga di dati. Ma quello che ha fatto tremare moooolte persone è stato veder sparire tutto quello fatto fino ad allora (contenuti, contatti, ..) senza sapere se sarebbe tornato tutto come prima.

Dopo diverse ore tutto è tornato alla normalità ma per molti è stato il promemoria di quanto poco i social ci appartengano. I profili che creiamo sui social media sono solo appoggiati a queste piattaforme, devono sottostare alle loro regole, alle loro decisioni… e si, anche ai loro problemi.

Quella di investire solo sui social è quindi una strategia che sì, inizialmente può sembrare vincente: più immediata, si ha un riscontro abbastanza veloce, si crea un pubblico in poco tempo. Ma a lungo andare concentrarsi solo sui social senza diversificare e soprattutto sena costruire qualcosa di proprio può portare a grossi problemi.

Blog o social media? Cosa scegliere per comunicare il proprio business? Entrambi!

Alle mie clienti suggerisco di curare i social perchè ovviamente sono fondamentali. Ma di prevedere anche una strategia che ne vada oltre.

  • Crearsi un sito, anche molto semplice, su cui convogliare i propri clienti. Avere un sito è un po’ come avere la propria casa. Un posto dove esprimere chi si è e cosa si fa. Una vetrina per farsi conoscere nel proprio modo speciale.
  • Aprire un blog dove raccontare il proprio business. Avere un blog è fondamentale per tanti motivi che approfondiremo a breve con un articolo specifico.
  • Costruire una newsletter che offra un canale privilegiato, più intimo ed esclusivo di comunicazione.
  • Usare altri tipi di canali: Pinterest, Youtube, Telegram. Ogni social ha le sue caratteristiche, il suo pubblico e permette di parlarle e raccontarsi in modo differente raggiungendo utenze diverse.

Ovviamente per comunicare al meglio il proprio business non si deve essere ovunque e fare magari le cose male.

Questo no. Ma è fondamentale diversificare almeno un po’ la propria comunicazione per non rimanere “fregati” in caso succeda qualcosa al nostro social di riferimento. Creare quindi una strategia multicanale che segua le stesse linee guida ma diversifichi il tipo di contenuto coniugandolo di volta in volta nella modalità più adatta al singolo canale. Posso decidere quindi di parlare di un determinato argomento e poi valuterò come parlarne nel blog, come sui social e come nella newsletter. Con che modalità e con che tempi.

Alla fonte ci deve essere un’analisi di quali possano essere i canali che il nostro cliente ideale (ossia le persone a cui ci rivolgiamo) utilizzano.

Se mi rivolgo alle cinquantenni perchè il mio prodotto è specifico per loro, difficilmente Tik Tok sarà il canale giusto per me. Al contrario se propongo oggetti per adolescenti probabilmente sarà una delle strade da percorrere.

Inoltre bisogna essere oggettivi e capire cosa si riesce a fare e cosa no sia come tempi che come attitudine personale.

Io ad esempio non ho grande affinità, quindi youtube, snapchat e tiktok non fanno proprio per me.

Posso quindi scegliere se non utilizzare affatto questi canali o affidarmi a qualcuno che mi supporti nell’utilizzo di questo canale.

Approfondiremo piano piano questi vari aspetti. Ti aspetto!

E se hai bisogno di un supporto strategico per definire la tua comunicazione o se hai bisogno di delegare la creazione di contenuti SCRIVIMI.

Insieme possiamo far decollare il tuo business.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *