Che strumenti utilizzare per creare e programmare i post sui social media

strumenti per creare e programmare i post sui social media

Torniamo a parlare di social media. Abbiamo già affrontato l’argomento su cosa scegliere per impostare al meglio la propria comunicazione tra blog e social. Oggi vediamo che strumenti utilizzare per creare e programmare i post sui social media.

Che strumenti utilizzare per creare dei post sui social media di qualità

Sembra superfluo dirlo ma quando si utilizzano i social per lavoro è fondamentale postare dei contenuti di qualità.

Delle pubblicazioni con immagini brutte (sfuocate, scure, confusionarie, etc), completamente fuori tema o con dati mancanti (ho visto post che promuovevano eventi con la data e l’orario troncato, col il nome del brand tagliato, etc) oltre a non esservi oggettivamente utili, raccontano ai vostri potenziali clienti una non cura che nuoce assolutamente alla vostra immagine e quindi al vostro business.

Così come immagini bellissime perdono valore se non si affiancano contenuti chiari e ben scritti. Se vedo una bella immagine ma non capisco a cosa si riferisce. O se devo iniziare una caccia al tesoro per capire di che tipo di prodotto si tratti sicuramente passerò oltre e difficilmente comprerò da te o ti seguirò con slancio.

Ecco quindi alcuni strumenti che ti possono essere utili per creare i tuoi contenuti.

Per le foto

Innanzitutto presta attenzione mentre scatti: una foto meravigliosa parte sempre da una bella foto. Le app che editano le immagini non fanno miracoli, bisogna sempre partire da una buona base.

Cerca di scattare con una buona luce (meglio se naturale). Controlla che l’immagine sia a fuoco e scatta sempre più varianti della stessa foto tra cui scegliere per esser sicuri di trovarne almeno una buona da utilizzare.

Per l’editing della foto ci sono milioni di app e programmi. Io personalmente uso Snapseed e Canva. Molto famosa è anche VSCO o ovviamente la ben nota ma più complicata Photoshop.

Canva te la consiglio anche per altri motivi:

  • Ti permette di creare anche delle grafiche in maniera molto semplice che puoi usare per abbellire i tuoi contenuti
  • Offre molti strumenti per creare post omogenei e grafiche accattivanti per definire in maniera molto netta la tua brand identity
  • Nella versione a pagamento ha una funzione comodissima che permette di traslare una grafica adattandola automaticamente ai formati ideali per i vari social. Cosa che se no va fatta a mano per evitare proprio i tagli maldestri di cui vi parlavo sopra.

Per i testi

Per i testi un semplicissimo foglio word o un file excel sono sufficienti. Io inserisco la data, l’argomento e scrivo il testo. E procedo così per tutti i post del mese. Scrivendoli in anticipo e tutti insieme mi riesco a rendere conto della coerenza dei contenuti ed evitare così ripetizioni o al contrario argomenti che non c’entrano nulla l’uno con l’altro.

Una alternativa che uso quando il calendario editoriale e i contenuti sono fatti a 4 mani con la cliente è Google Calendar.

Per gli hastag

L’uso degli hastag (#) è fondamentale per far conoscere i propri contenuti al di la della propria cerchia di contatti. Questo vale soprattutto per Instagram ma sono utili anche ad esempio su Linkedin.

Premesso che la ricerca manuale, anche se più lenta, è la migliore perchè ti da l’opportunità di scoprire non solo nuovi hastag, ma anche altri profili in linea con ciò che vuoi comunicare. Premesso questo ci sono però dei programmi che ti aiutano a trovare gli hastag adatti al tuo profilo partendo da quelli che già hai individuato tu.

Io uso ad esempio TagFinder un sito che ti permette di trovare, da alcuni hastag inseriti, altri simili o in linea con i tuoi argomenti. Io poi vado a vedere manualmente il tipo di foto su cui questi hastag vengono inseriti e decido se fanno effettivamente per me (e quali) o se non usarli.

Strumenti che ti possono essere utili per programmare i tuoi contenuti

Come abbiamo detto tempo fa la costanza nella pubblicazione dei contenuti sui social paga. Certo rimanere costanti non è semplice e nemmeno avere sempre nuove idee sui contenuti da creare (a questo proposito ti può essere utile l’articolo su come trovare sempre nuove idee per i tuoi contenuti)

L’unico modo per avere una pubblicazione costante e soprattutto ben equilibrata e curata è la programmazione.

Stendere un piano aiuta ad aver sempre sotto controllo e a dare una cadenzialità alle uscite dei contenuti.

E si può lavorare con anticipo così da avere pronti diversi contenuti che si possono programmare evitando così di arrivare trafelate all’ultimo secondo.

Per programmare i post sui social ci sono diversi strumenti. Da scegliere a seconda dei social che avete scelto di usare.

Per Instagram e Facebook, nonostante alcune limitazioni, lo strumento migliore è la piattaforma messa a disposizione dagli stessi social: la Facebook business suite.

Perchè la migliore nonostante le limitazioni? Perchè sia Facebook che Instagram pare penalizzino le pubblicazioni effettuate attraverso altre piattaforme.

Se però preferite comunque appoggiarvi, per comodità, ad altre piattaforme che vi permettono di programmare anche altri canali come Linkedin o Pinterest, potete usare Hootsuite, Later, Postcron o ancora Buffer. Anche Canva, nella versione a pagamento, permette di programmare i post partendo dalle grafiche appena create.

La scelta è sicuramente personale e conviene investire un po’ di tempo a provare e trovare la soluzione migliore per voi. Tempo che verrà sicuramente recuperato successivamente una volta capito il flusso ideale per voi.

Spero che questa carrellata di strumenti utilizzare per creare e programmare i post sui social media ti sia utile.

Come sempre rimango a disposizione per qualsiasi dubbio o per capire se i miei servizi possono fare per te. Ricorda che la prima call è gratuita. Scrivimi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *